Testi e Correnti del Rock Progressivo




Testi del Rock Progressivo

"Palepoli" (Osanna)

"Maxophone"

"Concerto delle menti" (Pholas Dactylus)

"Storie di uomini e non" (Rocky's Filj)

"Siegfried, il drago e altre storie" (Errata Corrige)

"Alan Sorrenti"

"Il tempo della gioia" (Quella Vecchia Locanda)

"Reale Accademia di Musica"

"El Patio" (Triana)

"Io sono Murple" (Murple)

"Clowns" (Nuova Idea)

"Per...Un mondo di cristallo" (Raccomandata con Ricevuta di Ritorno)

"Ut" (New Trolls)

"Dolce acqua" (Delirium)

"Chocolate Kings" (PFM)

"Vietato ai minori di 18 anni?" (Jumbo)

"Contrappunti" (Le Orme)

"Odissea"

Testi scelti di Napoli Centrale

"Zarathustra" (Museo Rosenbach)







     Testi scelti di Napoli Centrale

È quasi impossibile, nell'esperienza di un gruppo come Napoli Centrale, scindere la parte musicale da quella testuale: sono davvero le due facce di uno stesso impasto di umori, unico e forse irripetibile.

L'utilizzo di un dialetto aspro e strettissimo come quello napoletano, cui peraltro (va sottolineato) l'Unesco ha riconosciuto qualche anno fa la patente di lingua vera e propria, enfatizza l'impatto dei versi firmati da Franco Del Prete, il batterista e sodale storico del sassofonista-cantante James Senese. Quest'ultimo, dal canto suo, sa interpretarli con viscerale verità, fino a sposarli con grande naturalezza a un tessuto sonoro scintillante, sempre mordente, che proprio nel sax ha il suo punto di forza.

Nei sei testi che ho scelto risuonano a mio parere un mondo e una cultura minacciati e offesi, eppure ancora vitalissimi: l'entroterra campano svuotato dall'emigrazione con la conseguente perdita della propria identità ("'A gente 'e Bucciano"); la fatica del lavoro al di là di ogni retorica agreste ("Campagna"); la continuità delle radici anche e soprattutto nella morte ("'O nonno mio"); fino all'ingiustizia sociale e all'amarezza di promesse disilluse, come in "Simme iute e simme venute" e "Chi fa l'arte e chi s'accatta".

Sono versi appassionati e spesso rabbiosi, che nulla concedono all'immagine oleografica che ha spesso fatto velo alle dure problematiche della realtà napoletana, e che trovano la summa in un manifesto artistico e umano di assoluta grandezza come "'A musica mia che r'è": qui vibra, meravigliosamente, tutto lo spirito che anima il suono esplosivo di Napoli Centrale, il tempo che passa col suo carico doloroso, ma anche l'orgoglio di riconoscersi ogni giorno nella propria musica come in uno specchio che non mente mai.


   CAMPAGNA

Chiove o jesce 'o sole,
chi è bracciante a San Nicola
c'a butteglia chine 'e vine
tutte 'e juorne va a zappa'.

Campagna, campagna
comme è bella 'a campagna!

Campagna, campagna
comme è bella 'a campagna!
Ma è cchiù bella pe 'o padrone
ca se enghie 'e sacche d'oro
e 'a padrona sua signora
ca s'engrassa sempre cchiù,
ma chi zappa chesta terra
pe' nu muorz' 'e pane niro
c'a campagna se ritrova
stracco strutt' e culo rutto.

Campagna, campagna
comme è bella 'a campagna!

Chiove e jesce 'o sole
pe aiutà pur' isse 'a varca
pure 'o figlio d'o bracciante
'nzieme 'o pate va a zappa'.

Campagna, campagna
comme è bella 'a campagna!

È cchiù bella pe' 'e figlie
d'o padrone della terra
ca ce vene sulamente
cu ll'amice a pazzia'.
Ma po' figlio do bracciante
'a campagna è n'ata cosa,
'a campagna è sulamente
rine rutt' e niente cchiù.

Campagna, campagna
comme è bella 'a campagna!

(da "Napoli Centrale", 1975)


   'A GENTE 'E BUCCIANO

Ce sta gente 'o nord proveniente 'a Bucciano
addo' na vota zappava
jettann' 'o sanghe e 'a salute,
eppure sta gente nun se senteva fernuta.

Ma a famme è chhiù forte d'ammore p'a terra
e a gente 'e Bucciano è emigrata a 'o nord.
Nun puteva cchiù campà, mo va in fabbrica a faticà
jettann' 'o stess' sanghe e 'a salute,
e in cchiù se sente gente fernuta.

Pecché?
Pecché?
Pecché? Pecché? Pecché?
Pecché 'o papa nunn'è rre!

Ce sta gente 'o nord proveniente 'a Bucciano
addò na vota campava astrignenn' 'a currea
e a sera sfucava cu nu straccio 'e mugliera.
Quanto rancore d'a povera gente
sfruttata all'osso da nu padrone fetente.

'O sfogo nu' abbasta a te regnere 'a panza
e 'a gente 'e Bucciano emigrata 'o nord
nun puteva cchiù campà, mo va in fabbrica a faticà
facenn' sempre cchiù buche 'a currea
truvannese spisse curnute e mazziate.

Pecché?
Pecché?
Pecché? Pecché? Pecché?
Pecché 'o papa nunn'è rre!

(da "Napoli Centrale", 1975)


   'O NONNO MIO

'O nonno mio teneva sittant'anne quann murette
e primm e' rrisala' l'urtem rispir dicette:
guagliù, nun v'a pigliate
e nun spennite tropp pe' chistu funerale,
si fosse pe mme i' me ne jess ncopp 'a carretta.

'E fiori, m' arraccumann 'e fiori,
dicite 'a gente che nunn' e voglio 'e fiori.
Primm pecchè po' addore n'o pozz chiù sentì,
e pe' sicond nun voglio ca pure appriess a me
cierti fiori ann'a muri'.

E poi guardanneme fiss dint'all'uocchie dicette:
Je', nun chiagnere,
'o nonno fott pur 'a mort,
appena 'a sent ca sta p'arriva'
'o nonno se ne va, se ne va e nun se fa truva'.
'O nonno mio teneva sittant'anne quann murette.

(da "Mattanza", 1976)


   SIMME IUTE E SIMME VENUTE

Campa cavallo che l'erba cresce,
oggi 'a spina e dimane 'o pesce,
'o cavallo more int' all'anno
e 'a spina 'e pesce t'enzocca 'n canna.
Chillo è nato co 'a cammisa
e chill'ato sfurtunato,
‘a cammisa a chillo chi c'ha rata,
e a chill'ato chi ce l'ha levata?

A chi te dà nu schiaffo 'n faccia
tu mostace l'ata mezza faccia.
Gesù Cri' ch'accussì ha fatto
tu sapisse che l'hanno fatto.
Chi fa male ha da pava'
e ha da pava' cu l'interesse,
cheste so' belle parole
ma chi pagano so' sempe 'e fesse.

Simme iute e simme venute,
'e cazzottune che avimmo avuto!
Simme iute e simme venute,
'e cazzottune che avimmo avuto!
Simme iute e simme venute,
'e cazzottune che avimmo avuto!

(da "Mattanza", 1976)


   CHI FA L'ARTE E CHI S'ACCATTA

Fino a quando esisterà
chi fa l'arte e chi s'accatta,
chi fa il braccio e chi la mente,
chi tene troppe e chi nun tene niente?

Fino a quando esisterà
chi fotte e chi è futtute
chi nun vo' e chi nun è vulute?

Fino a quanne ‘ncoppa 'a terra
ne reste une ca se lamente,
ne reste une ca se lamente!

Fine a quanne tutte quante
nun ce facimme 'o cule tante
per l'ammore e l'eguaglianza
nuje nun simme ancora niente,
chissu munne nun vale niente,
chissu munne nun vale niente!

(da "Mattanza", 1976)


   'A MUSICA MIA CHE R'E'

'A musica mia che r'è? È vino 'e fravulelle e pasta e fasule,
'a 'raggia 'e chi è nato pe sta sule e sule nun vo' resta'.

'A musica mia che r'è? Coltrane che se n' è gghiut
e 'o male che me fa resta' da ret'a me, tu nunn' o puo' cape'.

'A musica mia che r'è? 'A casa addo' so nato
e mammama che se 'nvecchia sempe 'e cchiù, 'o popolo che se fa fottere ogni juorno 'e cchiù.

'A musica mia che r'è? 'O specchio addo' me guardo e veco chi song io,
'a voglia pazza 'e me 'ncuntrà cu te, tu nunn' o puo' cape'.

'A musica mia che r'è? È l'ammore pe chi vede senza guarda'
e l'odio pe chi guarda e nun vo vede'.

'A musica mia che r'è? 'O specchio addo' me guardo e veco chi song io,
'a voglia pazza 'e me 'ncuntrà cu te!

(da "Quaccosa ca nu' mmore", 1977)



Napoli Centrale con Del Prete e Senese (primo e terzo da sin.) al tempo di "'O Sanghe" (2016)

Vai al profilo di Napoli Centrale



     I testi di "Zarathustra" (Museo Rosenbach)

Gli anni Settanta del Novecento, in Italia, sono stati un periodo conflittuale e durissimo, segnato spesso da un ideologismo ottuso che non risparmiava neppure la musica. Un disco bellissimo come "Zarathustra", ad esempio, subì una sorta di ostracismo per il semplice fatto di proporre una rilettura dell'opera di Nietzsche (uno dei filosofi più fraintesi della storia) e inserire un busto di Mussolini nel collage di copertina ideato da Caesar Monti, il quale inutilmente provò a spiegare il senso provocatorio, e tutt'altro che apologetico, della sua scelta.

Come la pensavano quelli del Museo Rosenbach, del resto, è spiegato nelle note interne dove si legge che il "Superuomo" del filosofo tedesco non va inteso affatto come il "violento condottiero di una razza pura", ma semplicemente come l'uomo che "vivendo in comunione con la natura, tende a purificare da ogni ipocrisia i valori umani." I tempi però erano quelli: non c'era spazio per i distinguo e le sfumature, ed il gruppo ligure, quasi subito tagliato fuori dal circuito dei concerti, ebbe purtroppo vita breve. Maggiore fortuna, invece, ha avuto negli anni il disco, così che oggi possiamo apprezzare come meritano i testi scritti da Alberto Moreno (all'epoca studente di Filosofia) in collaborazione con Mauro La Luce, ma firmati solo da quest'ultimo perché il bassista non era ancora iscritto alla SIAE, capaci di restituire con intelligenza i tratti salienti dell'opera in questione, fuori da ogni forzatura politica.

Mauro La Luce è comunque una figura singolare: stimato medico, e anche lui di Bordighera come la band, ha sempre abbinato la sua professione a quella di paroliere, collaborando soprattutto con Sergio Bardotti e con l'etichetta Fonit Cetra. Ha firmato in particolare i testi di alcuni dischi dei Delirium, a partire da "Lo scemo e il villaggio", e sul gruppo genovese ha pure scritto il libro "Delirium - Il lungo viaggio" (2018).




Retro di copertina (dettaglio)

   ZARATHUSTRA

  - L'ultimo uomo

Volto di luce,
mi hanno parlato di te.
La tua storia è nell'eco dei monti,
troppo in alto per scendere in noi.
Nel tuo eterno cammino
quello che insegui non c'è;
senza un fine può esistere la vita,
si completa nell'arco di un giorno.


Misera ombra, vuoto riflesso dell'io,
non ti serve capire la forza
che mi spinge a cercare nel mondo.
Chiara essenza divina già si nasconde in chi
sta vivendo il gioco del tempo
nell'attesa di un'alba diversa.


  - Il re di ieri

No, non continuare il cammino
per le strade che non hanno fine.
Tu già vedi in me
quello che mio padre, Dio, ti insegnò.


Forse nemmeno tu
credi a quello che non ti creò mai.
Ama la tua terra,
nel suo ventre Dio si formerà.


  - Al di là del bene e del male

Tavole antiche, divini voleri
hanno diviso nel tempo
già il bene dal male.
L'uomo da solo, lontano da Dio,
non può costruirsi la propria morale:
fuggi la tua volontà!


Sotto quei veli falsa saggezza,
viene insultata la verità.
Dalla morale che tu hai creato
niente si innalzerà.
Cieco nel dogma della tua fede
perdi la scelta di libertà.
Grigio tramonto di luci antiche
l'ultimo uomo avrà.


  - Superuomo

Ma troppe risposte
confondono una vita antica.
Mille tradizioni
hanno costruito un muro intorno a me.
Solo e senza forze
mi perdo nelle mie parole,
e forse chi cerco
ha camminato sempre accanto a me...

Ecco nasce in me,
vivo il Superuomo.


   - Il tempio delle clessidre (strumentale)


Il Museo Rosenbach nel 1973

   DEGLI UOMINI

Sangue, comandi,
bandiere, città,
grida di gioia, dolore...Perché?

Come l'autunno
il mondo vuol sfiorire,
offre al cielo spade
calpestando la lealtà.
Cresce ed uccide nel tempo
la sua umanità.


   DELLA NATURA

Cade quiete sulla notte,
vergine nel proprio manto.
Tace il mondo
e in lui rivive l'ansia e la paura
che il silenzio con il suo vuoto riaccende,
sospetto ed infido nel buio.
Il terrore, gravido com'è di magia
fa tornare nella mente il volto della morte.
Vivo invece solo in questa realtà
che forte pulsa nella corsa di una stella
certa di poter tramontare
e in un mare di fontane stanche, nella pace.

Credo e sento: questa è la libertà,
un fiume, il vento e questa vita.
Il silenzio è il canto della vera poesia.
Un bimbo nasce questa notte: sono io.
I miei occhi sono stanchi,
sento ormai che dormirò.
L'alba nasce dalla quiete,
vergine nel proprio manto,
vive e freme già.


   DELL'ETERNO RITORNO

Strani presagi accendono dubbi mai posti!
Lego il mio nome alla vita, alla morte, alla gloria?
Purtroppo è destino
che io non riceva alcuna risposta,
se credo veramente in me.
Vita, mi chiedi se io ti ho servita fedele:
di fronte alla morte
non ho reclinato mai il capo.
Nemmeno per gloria
ho reso sprezzante o altero il mio viso.

Ho chiuso degnamente un giorno.
Ma in questo spazio in cui tramonto
un altro giorno rinascera'
e Zarathustra potra' trovare
le stesse cose qui.
Ma per quanti giorni ancora
lo stesso sole mi scaldera'?
Ma per quante notti ancora
la stessa luna io canterò?
Non posso piu' cercare una via
poiche' la stessa ricalchero'.
Muoio, senza sperare che poi
qualcosa nasca, qualcosa cambi.
La strada che conoscero'
porta dove l'uomo si ferma
e dove regna il Ritorno Eterno.

Non posso piu' cercare una via
poiche' la stessa ricalchero'.
Muoio, senza sperare che poi
qualcosa nasca, qualcosa cambi.


Vai alla scheda del Museo Rosenbach



Cool Text: Logo and Graphics Generator